0Vai al carrello Cerca
https://www.ifalsidiautore.it

Leonardo

Cerca Falso d'autore

Annunciazione ALTA QUALITA'

Codice Opera: ann

Da Vinci

70x160

540€
Dettagli
Canone di Leonardo MASSIMA QUALITA'

Codice Opera: 842

Da Vinci

60x50cm

150€
Dettagli
new Dama con Ermellino

Codice Opera: 0987

Da Vinci

90x60cm

160€130€
Dettagli
Dama con Ermellino

Codice Opera: 0986

Da Vinci

60x50cm

95€
Dettagli
Ginevra de Benci

Codice Opera: AF293 G

Da Vinci

60x50cm

67€50€
Dettagli
Gioconda ALTA QUALITA'

Codice Opera: 454

Da Vinci

90x60cm

200€
Dettagli
maddonna Benois - ALTA QUALITA'

Codice Opera: 689

Da Vinci

60x50cm

160€
Dettagli
Madonna litta

Codice Opera: AF165

Da Vinci

60x50cm

60€
Dettagli
Monnalisa

Codice Opera: 88 -E G

Da Vinci

60x50cm

85€75€
Dettagli

Leonardo da Vinci, nasce ad Archiano da Vinci il 15 Aprile 1452 e muore ad Amboise (Francia) il 2 Maggio 1519. La famiglia nel 1469 si trasferisce a Firenze e ovviamente Leonardo li segue. Fu questo l’anno di svolta per la crescita professionale del Maestro, che inizia a frequentare la bottega e diventa allievo dell’allora più conosciuto Verrocchio. E’ da questa esperienza fatta anche di studio, che Leonardo impara a concepire la figura umana, sia essa dipinta che sottoforma di scultura, inserita nel paesaggio e nella vita quotidiana e non avulsa da essa come fosse immobile. Nel 1492 Lorenzo il Magnifico, suo grande estimatore, lo invia a Milano con una forte raccomandazione dall’amico Ludovico il Moro. Questa partenza repentina è il risultato di alcune vicende che coinvolgono Leonardo e che era meglio che si allontanasse dalla città del giglio. A Milano arriva, ed è curiosa la lettera di presentazione che parla di un grande scenografo non menzionando le capacità pittoriche, cosi alla corte del giovane Sforza per il quale realizza scenografie teatrali per feste e spettacoli vari . Nel 1502 dopo un breve soggiorno fiorentino si reca ad Urbino alle dipendenze di Cesare Borgia. Nel 1503 torna a Firenze dove dipinge la famosa e misteriosa battaglia di Anghiari, tutt’oggi non ancora ritrovata. Nel 1506 fa tappa a Milano dove realizza l’importante statua equestre raffigurante Giacomo Trivulzio, per poi nel 1514 arrivare a Roma alla corte del Papa dove sviluppa anche lo studio per il prosciugamento delle paludi Pontine e approfondisce gli studi di anatomia. Nel 1517 Re Francesco I lo invita in Francia donandogli un maniero ad Amboise dove Leonardo morì il 2 Maggio 1519.

Il Genio non si limita ad operare solamente nel campo pittorico, dove peraltro la produzione seppur di altissimo livello non è certamente paragonabile come quantità ad altri artisti del periodo, ma si cimenta nel campo dell’arte e non solo a 360°. Di grandissima importanza e vastissima nella produzione, sono i carteggi sugli studi che spaziano dagli anatomici, agli architettonici, all’idraulica, all’oculistica, alla medicina in generale, all’arte militare e alla scenografia. Questi carteggi o fogli sono conosciuti come i codici dei Leonardo che sono sparsi nelle grandi Biblioteche private e pubbliche in tutto il mondo. Possiamo ricordare i più famosi e la loro ubicazione:

A Milano presso la biblioteca Ambrosiana sono conservati i carteggi, che hanno dato vita ai famosi 12 tomi e solo recentemente restaurati e tolti dalla loro legatura, meglio conosciuti come il Codice Atlantico, il cui nome deriva dalla grandezza delle carte.

A Torino presso la Biblioteca Reale si trova oltre il famoso autoritratto, il codice del volo degli uccelli mentre a Milano presso la Trivulziana è conservato l’omonimo codice.

A Londra presso la British library si trova il codice Arundel mentre i disegni di anatomia sono conservato presso la biblioteca dei duchi di Windsor

A Madrid si trovano i codici che prendono il nome proprio dalla città spagnola, mentre a Parigi presso la biblioteca Nazionale sono conservati i carteggi conosciuti come i codici di Francia contraddistinti da lettere che vanno dalla A alla M.

Il famoso codice Leicester ex codice Hammer è dal 1996 di proprietà di Bill Gates.

Leonardo ha vissuto e lavorato a cavallo di due secoli il 400 e il 500 e si può certamente dire che ha ereditato la cultura quattrocentesca gettando le basi per un nuovo modo di interpretare l’arte del cinquecento.

Molto importante e significativa sono stati gli studi sull’urbanistica che hanno dato vita alla sua Città ideale che si identifica, ma i pareri sono discordanti, con la città di Vigevano.

Oltre alla produzione codicistica le sue opere principali sono:

La dama con l’ermellino 1485 presso il Museo Czaroryski di Cracovia

Vergine delle rocce nella prima versione 1486

L’ultima cena 1494 presso il Convento di Santa Maria delle grazie a Milano

La gioconda 1503-1506 Parigi Museo del Louvre

Annunciazione 1472-1475 tempera ed olio su tavola Firenze Galleria degli Uffizi

San Giovanni Battista 1508-1513 Torino Biblioteca Reale

Autoritratto 1515 Torino Biblioteca Reale

Uomo Vitruviano 1490 Venezia Gallerie dell’Accademia.